Makers-

Chi fabbrica il futuro, oggi

 

Artigianato, cultura e arte nella HAUS di Golden Goose a Marghera

Non c’è arte senza cultura e non c’è futuro senza innovazione. Sono questi i pillar che sostengono il progetto Haus di Golden Goose, inaugurato in occasione della Biennale Arte 2024 lo scorso aprile a Marghera, luogo di nascita del brand. Haus è una piattaforma culturale che offre una casa alla community dei Dreamers di Golden Goose e uno spazio fisico destinato ad ospitare un’Academy dove esperti artigiani insegneranno ai futuri Dream Makers del brand a coltivare la loro creatività, fornendo loro gli strumenti e le competenze necessarie per preservare e promuovere l’arte dell’artigianato. I vari corsi e seminari che si svolgeranno nell’Academy sono progettati per sviluppare competenze e conoscenze personali e professionali in diverse discipline. Le lezioni copriranno una serie di mestieri tradizionali come la calzoleria, la sartoria e la serigrafia, insieme a moderne attività culturali come il DJing e il public speaking, il tutto con l’obiettivo di preservare e promuovere l’artigianato attraverso vari interessi e aspirazioni. All’interno anche lo spazio Manovia, dedicato all’innovazione e alla riparazione volto a dar nuova vita ai prodotti Golden Goose e non solo. Un Archive, una Library, un Playground (Auditorium), sono progettati per educare e offrire approfondimenti sulla cultura, l’heritage del brand e non solo. Un Hangar, infatti, sarà a disposizione di quegli artisti che vorranno esporre le proprie opere e ospiterà eventi immersivi. 

previous arrow
Manovia
Manovia
Academy
next arrow
 

Come quello organizzato lo scorso 19 aprile che ha riunito quattro artisti poliedrici provenienti da diverse discipline: l’artista argentino Andrés Reisinger, lo scultore italiano Fabio Viale, la pittrice franco-italiana Maïa Régis e la giovane cantante portoricana Mia Lailani. Sono poi seguiti due giorni di performance e workshop, aperti al pubblico, con lo scopo di promuovere un dialogo interculturale e multidisciplinare, dove anche le sneaker hanno giocato un ruolo importante. Infatti, gli ospiti durante l’inaugurazione hanno personalizzato i modelli Marathon nell’area Manovia insieme ai Golden Goose Dream Makers, gli artigiani del brand. Questa calzatura è caratterizzata da un design anni Settanta e fonde elementi vintage e all’avanguardia come lo spoiler stampato in 3D. La tomaia è realizzata in materiali diversi che combinano nylon, nappa e nabuk ed è disponibile in colori che spaziano dal bianco, al nero, al rosso, al blu royal, all’argento, mantenendo sempre la distintiva stella Golden Goose sui lati. Ogni scarpa è trattata con le tecniche di distressing che contraddistinguono il brand, conferendole un aspetto vissuto. 

Golden Goose Marathon
 

Il prossimo giovedì vi parleremo della community di Fessura