Ideas-

L’innovazione tecnologica che conta davvero

 

Il retail di domani: un dibattito tra presente e futuro
(che è già qui)

Realtà aumentata, intelligenza artificiale, Internet of Things e avatar: familiarizzate il prima possibile con questa terminologia, perché queste parole, e le innovazioni che si portano dietro, faranno sempre più parte del presente e del futuro, e non solo di chi lavora nel mondo del retail. Questi elementi, infatti, porteranno sempre più non solo un vantaggio competitivo per i brand, ma anche un valore per il cliente finale in termini di esperienze di shopping immersive e personalizzate

previous arrow
Realtà aumentata e intelligenza artificiale cambieranno per sempre il modo di fare shopping
Realtà aumentata e intelligenza artificiale cambieranno per sempre il modo di fare shopping
Realtà aumentata e intelligenza artificiale cambieranno per sempre il modo di fare shopping
next arrow
 

Scompariranno quindi i negozi? No: l’innovazione tecnologica non dev’essere vista come una minaccia, ma come un’opportunità. Però cambieranno profondamente, accogliendo sempre più nuove tecnologie e innovazioni. Che sono già tantissime, e aumenteranno nei prossimi anni; tra queste, consegne via drone in tempi record, sistemi automatizzati di self-checkout e scelta di prodotti-online da touchscreen presenti in negozio. Come negli store polacchi di eobuwie, in cui si ordina su schermi nel punto vendita e, se il prodotto non è presente, lo si riceve a casa entro tre ore. 

E poi, ancora, negozi che diventano luoghi esperienziali, che coniugano anche altri servizi, come parrucchiere o angoli Spa. E che sono, magari, forniti di una tecnologia di analisi predittiva, che ha la capacità di interpretare le espressioni dei clienti e, di conseguenza, il loro mood e la loro propensione all’acquisto. C’è già la possibilità di vedersi addosso da casa i prodotti da provare grazie alla realtà aumentata, o di indossare vestiti “a distanza” grazie a specchi intelligenti. 

Poi, ancora, come accadrà con Ikea e Google Shopping, sarà possibile visionare i prodotti in 3D, per analizzarli dettagliatamente da ogni angolazione, senza ricorrere a foto statiche di catalogo. E cambiano anche i sistemi di pagamento: sarà possibile aggiungere i prodotti in un carrello virtuale man mano che il cliente procede con gli acquisti, il cui importo sarà poi addebitato in modo automatico sul conto dell’utente all’uscita dal negozio.

Il negozio del futuro? Ecco una mappa.

La mappa del negozio del futuro

Da oggi partiremo insieme per un viaggio che ci porterà a scoprire i trend del retail del futuro che è gia oggi. Vuoi conoscerli? Ogni giovedì visita MICAM Mag. Stay tuned!