M-Stories-

Racconti di oggi e ieri

 

Il linguaggio della calzatura dalla A alla Z

Shoes A-Z è il titolo del libro dedicato alla collezione permanente di calzature del Museo del FIT (Fashion Institute of Technology) di New York. Un’opera omnia di oltre 500 pagine, edito da Taschen, che svela un “armadio” invidiabile di oggetti del desiderio, quali appunto le calzature.  Una storia raccontata attraverso modelli super glamour oppure quotidiani, molti firmati dai big brand della moda, da Louis Vuitton a Ferragamo, Chanel, Gucci, Saint Laurent, Roger Vivier, Christian Louboutin e tante altre griffe internazionali.

 
 
 

I testi di Daphne Guinness, Valerie Steele, Colleen Hill, e l’esperto team di curatori del museo, esplorano l’eredità unica di ciascun designer e l’impatto culturale della calzatura sulla società. A rendere più speciale il libro, che illustra circa 400 stili custoditi nel museo, contribuiscono i disegni originali, le immagini delle pubblicità e le fotografie tratte dagli archivi privati dei designer.

Il Fit è un college pubblico fondato nel 1944; fa parte della State University of New York ed è focalizzato su arte, design, business e tecnologie legate al settore della moda. Vanta un importante museo con una collezione permanente di 50.000 fra capi e accessori a partire dal 18esimo secolo ad oggi. Nello specifico, custodisce circa 5.000 paia di calzature che abbracciano tutte le tipologie di modelli. Allestisce mostre a tema, come quella sulle calzature dal titolo Shoe Obsession organizzata in passato, mentre è ora  in corso (fino al 25 agosto) la mostra Statement Sleeves che sottolinea il ruolo delle maniche degli abiti nell’evoluzione della moda. Per la vastità della sua collezione permanente, fonte di ispirazione per gli addetti ai lavori e gli appassionati di moda, il Museo diventa oggetto di pubblicazioni tematiche, come appunto Shoes A-Z dedicato focalizzato sulle calzature. Un libro raffinato che, nelle edizioni limitate da collezionare, ospita anche tre stampe di Manolo Blahnik create esclusivamente per il volume. 

previous arrow
next arrow