Makers-

Chi fabbrica il futuro, oggi

 

Quando tutto ruota intorno al plantare

All’inizio era una calzatura “tedesca” che i fashion addicted non si sarebbero mai sognati di mettersi ai piedi. Poi se ne sono accorte le celeb, che le hanno indossate e postate sui social, e le griffe, che hanno iniziato collaborazioni glam con il marchio tedesco. Ed ecco che Rick Owens, Valentino, Dior, Manolo Blahnik e altri designer si sono alleati con il brand per fare modelli e capsule che hanno subito intrigato il pubblico. Senza parlare della presenza del sandalo Birkenstock in una scena del film Barbie, che è diventata subito un cult e ha fatto volare le ricerche sui social del modello Arizona, secondo le rivelazioni di Lyst, motore di ricerca di moda globale. Non ultima, anche la kermesse della design week 2024 ha inserito Birkenstock fra gli eventi del fuori salone, a ribadire l’iconicità di queste calzature come oggetti di design. Il segreto del loro successo è il plantare, fin da quando il marchio venne fondato a Langen-Bergheim (Germania) nel 1774 dalla famiglia omonima che si era ispirata al settore dell’ortopedia. Con il passare dei secoli è andato formandosi un tesoro di esperienze ineguagliabile, che viene trasmesso, coltivato e continuamente ampliato dai membri della famiglia. Nel 1932 nasceva il “sistema Karl Birkentock”, presentato anche in un libro pubblicato nel 1947 e da allora la strada è stata costellata da continui successi.

previous arrow
next arrow
 

Oggi l’azienda è giunta alla sesta generazione e produce per la maggior parte ancora in Germania, mentre le iconiche scarpe sono vendute in circa 90 paesi. Sul mercato italiano sono distribuite da NaturalLook di Bolzano, il cui fondatore Ewald Pitschl già dal 1974 aveva intuito le potenzialità di Birkenstock. Il testimone è stato oggi raccolto dal figlio Frowin Pitschl che continua a distribuire il marchio in Italia. 

Ancora oggi, dopo quasi 250 anni, tutto continua a ruotare intorno al plantare in sughero e lattice dalla forma anatomica che si basa sui principi del comfort e della funzionalità, ispirandosi all’azione del camminare a piedi nudi sulla sabbia. Il benessere del piede è quindi la filosofia perseguita dal brand tedesco, attraverso il design del plantare e l’impiego di materiali di alta qualità. La tomaia si evolve di collezione in collezione e l’ultimo modello nato in casa Birkenstock propone il motivo dell’intreccio dal sapore artigianale. 

previous arrow
Modelli Suede Braided per la pe 2024
next arrow