Ideas-

L’innovazione tecnologica che conta davvero

 

Stavrakis di SafeSize: “La nostra tecnologia contro la frustrazione di comprare scarpe sbagliate”

“Il mondo delle calzature, a volte, sa essere frustrante”. A parlare è Angelos Stavrakis, fondatore e CEO di SafeSize, che a gennaio 2024 è stato nominato “Imprenditore dell’anno” durante gli Athens Chamber of Commerce and Industry Awards, una piattaforma di business che celebra la visione, l’imprenditorialità e i risultati del mondo degli affari. 

“Spesso entriamo in un negozio di calzature con un’idea in testa, ma manca magari il nostro numero, oppure il colore che vogliamo, o il commesso non riesce a darci i consigli giusti che ci indirizzino verso il prodotto di cui abbiamo più bisogno. Così capita che acquistiamo scarpe che magari non ci servono, e che getteremo via alla prima occasione, e da qui nasce il nostro senso di frustrazione”.

Grazie a SafeSize, che utilizza una tecnologia innovativa legata all’intelligenza artificiale, il piede viene scansionato in soli tre secondi: questo procedimento è necessario per riuscire poi a trovare le scarpe più adatte per l’acquirente, perché ne acquisisce tutte le caratteristiche e peculiarità. Ogni anno vengono scansionate anche le calzature – al momento siamo a due milioni di scarpe presenti sul mercato mondiale già esaminate – in modo da poterle suggerire poi al cliente a seconda dell’utilizzo e alle caratteristiche dei suoi piedi.

 

Già oltre 350 negozi in 60 Paesi di tutto il mondo hanno adottato questa tecnologia, che ha permesso a SafeSize di creare un database immenso e prezioso, che non possiedono né i brand né i retailer. Al momento, SafeSize, che l’anno scorso ha vinto il titolo di “Startup of the Year” durante i “Startupper Awards 2023”, ha la fiducia di colossi quali adidas, Puma, Hoka, Intersport, Decathlon, Sports Direct.

“Abbiamo cominciato con un piccolo brand che ci ha dato fiducia e non ci siamo più fermati”, ha continuato Stavrakis, “abbiamo la sede centrale ad Amsterdam, ma anche uffici nei pesi Bassi, Slovenia, Grecia, Cina e Australia, perché ogni Paese ha, di fatto, richieste diverse. Noi di SafeSize possiamo fornire un sistema automatizzato e personalizzato che porta a migliorare la produzione e l’assortimento, per produrre meno e in maniera più efficiente, portando a un incremento delle vendite. Non solo: dato che il settore calzaturiero è ancora parecchio inquinante, con il nostro sistema è possibile avere una razionalizzazione della produzione che permette di evitare gli sprechi”.