-

Il made in Italy che fa cultura

 

#Tenniscore: l’hashtag che impazza sui social

Sicuramente è il momento d’oro del tennis, che si tinge del tricolore italiano grazie alle imprese del più amato dei campioni di oggi, Jannik Sinner. Inevitabile che l’abbigliamento e, di conseguenza, gli accessori vivano di luce riflessa; lo dimostra il fatto che l’hashtag tenniscore è fra i più cercati sui social. Si stima infatti che abbia generato 6,5 milioni di visualizzazioni su Tik Tok. Ma lo stile preppy con gonnelline a pieghe, polo, cardigan e scarpe da tennis non è certo nuovo o recente nel mondo della moda. Viene da lontano, e in oltre un secolo ci sono state contaminazioni incrociate fra i due mondi: designer che hanno creato look per campioni o campionesse, e tenniste/i che hanno a loro volta spinto i brand a occuparsi dei loro outfit. Nel primo caso, il couturier Jean Patou inizio anni Venti del secolo scorso aveva creato un look per Suzanne Lenglen, vincitrice di 25 titoli del Grande Slam . D’altro canto, dagli anni Settanta, ci sono stati giocatori come Martina Hingis e Andre Agassi che avevano iniziato a sperimentare capi di abbigliamento sul campo, spingendo i brand a “vestire” questo sport. 

Storm Hunter con Lotto Miragea agli Australian Open 2024
 

Di recente, anche il cinema si intreccia con lo sport del tennis: sono un esempio il film del 2024 Challengers di Luca Guadagnino con Zendaya, ambientato nel mondo del tennis, ma incentrato sulla rivalità (anche amorosa) fra tre ragazzi, e la seconda stagione della docu-serie Netflix Break Point che racconta i retroscena e il dietro le quinte delle gare disputate da alcuni tennisti e tenniste che competono nei tornei del Grande Slam. Inevitabile quindi una ripercussione anche sulla moda. Secondo i dati forniti da WGSN (Worth Global Style Network), una delle più importanti agenzie di trend forecasting che fornisce report sulle tendenze più attuali a migliaia di case di moda, gli stili legati al tennis nel 2024 sarebbero cresciuti del 7% sulle passerelle, con riferimento in particolare alle gonne pieghettate passate dal 2 al 24% del totale delle gonne presentate. 

Anche se lo “stile tennis” non implica necessariamente una ispirazione tout-court ai capi e agli accessori indossati sui campi da gioco, e quindi si può ampliare ad outfit che nel caso delle scarpe possono includere anche mocassini o modelli barca, noi rimaniamo fedeli alle calzature da tennis “tradizionali” e vi proponiamo alcune divagazioni sul tema, con modelli bianchi e non solo,  presenti in tante collezioni di brand e griffe dell’abbigliamento. 

previous arrow
Lotto
La Martina
Sun68
Monoway
Suns
Testoni
next arrow
 

A Firenze da Flow Run il trionfo delle sneaker Made in Italy. Scopri di più nell’intervista a Matteo Pecchioli